THELOGBOY

Cesare Lombroso

Nato a Verona il 6 novembre 1835, Cesare Lombroso è stato un medico e studioso; in particolare il suo campo di studi ,che ne accrebbe le teorie, fu l’antropologia.

Dedicò i suoi studi antropologici unendoli a quelli psicologici e psichiatrici, tanto che nel 1870 inaugurò presso l’università di Pavia un corso di “Medicina legale sperimentale sull’uomo criminale, paragonato all’uomo sano e all’alienato”.

A Pesaro, nel 1871, assunse la direzione del manicomio provinciale per rientrare l’anno successivo a Pavia per riprendere la carriera universitaria come docente.

Fu grazie a queste esperienze sul campo e teoriche che intraprese lo studio della mente criminale in rapporto a determinate caratteristiche fisiche.

Secondo Lombroso alcune caratteristiche criminali nell’uomo sarebbero derivate da predisposizioni di natura psicologica.

L’esempio più evidente fu la misurazione delle dimensioni del cranio che ,secondo lo studioso, poteva determinare le tendenze delinquenziali.

Nel 1872, durante l’autopsia sul cadavere del brigante calabrese Giuseppe Villella, scoprì una anomalia nel cranio ovvero una concavità a fondo liscio localizzata nella zona dell’occipite che venne denominata “fossetta di Lombroso“.

Questa anomalia ,secondo Lombroso, insieme ad altre caratteristiche fisiche distinguerebbero l’uomo normale da quello criminale.

Ovviamente studi recenti hanno offuscato queste ricerche, ma sicuramente Lombroso è stato uno dei padri dell’attuale criminologia e le sue ricerche hanno permesso a molti scienziati e psichiatri di poter porre basi anche biologiche sulla ricerca delle cause di alcuni comportamenti anomali.

Lombroso morì a Torino il 19 ottobre 1909 lasciando numerose lettere e documenti resi noti di recente che riguardano le sue numerose analisi.

John Wayne Gacy JR.: il serial killer che ispirò il romanzo IT di Stephen King.

Oggi è il 31 ottobre e come ogni Halloween che si rispetti è ricorrenza esorcizzare il terrore e magari raccontarlo per dimostrare che a volte, purtroppo, la realtà supera l’immaginazione.

Oggi inizia una serie di racconti della vita e degli orrori commessi dai peggiori criminali conosciuti dall’opinione pubblica: i serial killer.

0

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

RSS Offerte Telegram