Thelogboy

Oneplus ha sfornato il best buy 2020?

Ci sono diversi punti che mi hanno convinto della qualità del Oneplus 8T.

Presentato ad ottobre 2020, questo modello eredita le qualità dei prodotti dello scorso anno facendo un leggero passo in avanti.

La prima cosa che ho apprezzato è il display di tipo flat, ovvero senza bordi curvi, da 6.55 pollici.

Le curvature del Oneplus 8 Pro erano fastidiose tanto che in alcuni momenti i miei tocchi sul display non venivano rilevati dal sistema

perchè una parte della mano toccava lo stesso mentre afferravo lo smartphone.

Il touch è sempre reattivo, così come il sensore di impronte digitali sotto il display che non sbaglia mai un colpo.

Certificato come A+ da DisplayMate, esso possiede una qualità in più rispetto alla fascia di prezzo di appartenenza:

il refresh rate a 120 hertz.

Fidatevi se vi dico che questa caratteristica sommata alla fluidità della Oxygen (la personalizzazione di Android sviluppata da Oneplus)

rende tutto più scorrevole, piacevole, privo di lag o impuntamenti.

Visto che ho fatto cenno al sistema operativo ci tengo a specificare che Oneplus 8T esce di fabbrica già con Android 11 installato,

l’ultima versione del sistema operativo di casa Google.

La potenza di calcolo e del segnale (5G incluso) è affidata al processore Snapdragon 865 di Qualcomm.

Come si comporta la batteria?

Abbiamo davanti un’unità da 4500 mAh che risulta molto buona e versatile soprattutto nell’uso quotidiano stress.

E’ possibile utilizzare tutte le principali app social senza che ne risenta eccessivamente.

Inoltre, a supporto, c’è una ricarica ultra rapida, Oneplus chiama Warp Charge, che ricarica la batteria da zero a cento in poco

più di 40 minuti grazie ai 65 watt che si spalmano su due batterie.

Si, le batterie sono due (da 2250 mAh ciascuna) e questo serve ad evitare che ci possano essere sovraccarichi di tensione.

Per quanto riguarda il comparto multimediale abbiamo un doppio altoparlante certificato Dolby, una Game Mode che permette di

personalizzare l’esperienza di gioco e un comparto fotografico composto da quattro sensori.

Il sensore principale è da 48 megapixel e in molti hanno lamentato che questo sensore sia ormai vecchio e non il miglior sensore

prodotto da Sony.

Oltre al sensore principale troviamo un sensore grandangolare da 16 megapixel e due sensori: monocromatico per catturare più luce

e un sensore macro da 5 megapixel per scattare foto a pochi centimetri di distanza dal soggetto.

Come ho trovato gli scatti? Decisamente buoni in ogni condizione di luce.

Ho apprezzato molto gli scatti macro che in molti definiscono inutili; è divertente osservare le piccole cose e poterle fotografare, sebbene

i 5 megapixel a disposizione risultino pochi.

Non amo molto la modalità notturna, ma questa è una mia opinione che riguarda tutti i produttori.

Tende a caricare troppo la luce in condizioni di scarsa luminosità tanto da sembrare giorno.

Però in situazioni di semi buio, come può esserlo un tramonto, tira fuori scatti sorprendenti.

In basso la galleria con gli scatti realizzati da questo smartphone.

La fotocamera frontale è da 16 megapixel ed è nella media.

Dunque, a chi consigliare questo smartphone?

Beh per il peso (188 grammi), il design giovanile, le colorazioni grigia o verde davvero originali, la durata della batteria e la fotocamera

che scatta belle foto è perfetto per tutti quelli che non vogliono spendere molto per uno smartphone che si può considerare un top

di gamma (se non fosse che manca la ricarica wireless).

A 599 euro di listino, offerte escluse, è difficile trovare di meglio in circolazione.

In basso trovate il link all’acquisto sul sito di Oneplus, il video della mia prova su Youtube e le foto scattate dal Oneplus 8T.

Per restare sempre aggiornati potete seguirmi su Instagram.

 

Vai al sito di Oneplus 

 

 

0

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

RSS Offerte Telegram